sabato 12 dicembre 2015

Dove eravamo rimasti...

Era il Marzo del 2014 e MyCookin riceveva circa 650 visite al giorno da tutto il mondo. Qualche radio intervistava me e Saverio, cosi come faceva anche qualche giornale Italiano nazionale.
Nello stesso mese iniziavo il mio primo lavoro a tempo pieno a Londra e quel giorno decretava l'inizio del mio stipendio fisso ma anche l'abbandono per mancanza di tempo a quello che avevo provato a costruire in due anni: una societa' finanziata che cominciava a produrre ricavi.

Per un anno MyCookin rimane per lo piu' abbandonato. Saverio e Jessica lasciano ufficialmente la societa' a Gennaio e il sito rimane in una sorta di limbo con circa 50 visite giornaliere.

Un pomeriggio del Luglio 2015, in piena estate londinese e di fronte ad una ottima birra nel pub "quello sotto l'ufficio", un po' per scherzo e un po' per davvero, chiedo a quello che oggi e' il mio nuovo socio, Director anche lui di MyCookin: 
- Riccardo, ma perche' non entri in societa' e rimettiamo in piedi tutto?

Una domanda improvvisata si trasforma improvvisamente in un piano operativo, con tanto di contratto ufficioso scritto da Flavia e firmato dalle due parti in un'agendina tascabile. 
L'idea di MyCookin stava nascendo per una seconda volta.

Da quel giorno, per due mesi passo quasi tutte le sere dopo il lavoro a raccogliere informazioni sui vecchi server, a studiare come migliorare il vecchio sito e come rilanciarlo. In quei due mesi studio e metto in piedi nuovi server, nuovo software e analizzo come dovra' essere riscritto il nuovo codice di MyCookin.

A Settembre Riccardo entra a far parte ufficialmente di MyCookin ed insieme decidiamo di abbandonare definitivamente il vecchio sito per svilupparne uno nuovo. Io faro' il massimo come sviluppatore, lui si occupera' di tutta la parte legale e scrivera' il Concept dell'idea.

Si torna a parlare di cucina e l'idea continua a piacere ed entusiasmare tutti. Dobbiamo creare un buon gruppo di lavoro e tornare a lavorare attivamente al progetto!
Proviamo a coinvolgere una ragazza per la grafica ed una per sviluppare l'applicazione mobile. Ma dopo pochi giorni ritirano la loro offerta e torniamo ad essere in due. Johnny, invece, si rende subito disponibile per aiutarci con tutti i contenuti in lingua inglese.
Io intanto vado avanti con lo sviluppo e dopo pochi mesi realizzo le prime API per l'applicazione mobile, ma lo sviluppo di quest'ultima, data in mano ad un freelance indiano, fallisce miseramente dopo ben un mese di lavoro e tempo utile buttato via.

Siamo gia' a Dicembre. Il tempo vola, ma ci accorgiamo che qualcosa comincia piano piano a delinearsi e riusciamo anche a comprare i domini con la "g" finale per l'Italia e la Spagna:  www.mycooking.it e www.mycooking.es

Io lascio il lavoro, come feci gia' a Milano due anni fa, deciso a riprovarci. Saverio si rende disponibile ad aiutarmi nel suo tempo libero, Francesca si dedichera' ai contenuti di tutti i nostri social network in lingua italiana, Rosylia disegnera' il nuovo logo e si dedichera' alla parte grafica, Olivia si rende disponibile per i contenuti in lingua spagnola ed altri due ragazzi confermeranno la loro disponibilita' ad aiutarmi nello sviluppo a Gennaio.

In poco tempo MyCookin e' diventato un gruppo di quasi 10 persone, con nuove idee e nuovi stimoli per rilanciare il prodotto nei primi mesi del 2016.

Il primo ed unico social network sulla cucina tornera' presto con tantissime novita'. Il prossimo sara' l'anno del successo. Quello del "o la va o la spacca".

Nessun commento:

Posta un commento